Il Cinescopio Scaricare

Il Cinescopio Scaricare il cinescopio

IL CINESCOPIO SCARICARE - Il primo cinescopio espressamente per televisori si deve a Zworykin e prevedeva la presenza di un elettrodo modulatore del. da scaricare il tubo catodico. Ho già letto i consigli dal NG: cacciavite, resistenza a massa, infilare la punta sotto la ventosa. Sono convinto che sia una stupidata. Per molti anni ho svolto l'attività di pubblicista su 'Il Cinescopio', una delle riviste visualizzare o scaricare gli impaginati degli articoli da me trattati fino al salve,potete spiegarmi come scaricare la tensione di un cinescopio di un una estremita' la tieni sotto la schermatura (massa) del cinescopio. SCARICARE IL CINESCOPIO - Come è visibile nelle fig. L'implosione o comunque la rottura del vetro causa la dispersione di questi materiali. In questi tubi, più.

Nome: il cinescopio
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. Android. iOS. Windows XP/7/10.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 14.27 Megabytes

Pages: [1] 2. Re: tv tubo catodico pericoli con trasformatore di riga. Lascia stare, con un EAT , ci lasci le penne Se corri veloce come un fulmine, ti schianterai come un tuono.

Bhe i trasformatori di riga possono essere sostituiti, quindi puoi estrarre la ventosa, se hai paura che si apra un buco nero o di essere risucchiato dentro il cinescopio lascia perdere A parte gli scherzi stai comunque attento a non forzare il tubo.

Che mira! Inutile dirlo, scollegate immediatamente il televisore dalla rete elettrica. Ispezionate nei dintorni dell'area interessata alla ricerca di componenti evidentemente bruciati o danneggiati. Controllate i fusibili ed i resistori fusibili. Riparate connessioni di saldatura e piste bruciate del circuito stampato. Utilizzate la vista, l'udito e l'olfatto alla ricerca di qualunque comportamento insolito.

Se il televisore adesso funziona, consideratevi fortunati; in caso contrario, potrebbero essersi verificati dei danni a transistor, circuiti integrati, o altri componenti. Siamo in presenza di un altro 'rischio' oggigiorno, la gente che pulsice gli schermi dei propri televisori con detergente per la pulizia dei vetri.

Suppongo che il danno sia l'opposto della elettroplaccatura visto che i microcircuiti sono costantemente alimentati. Niente paura, vorrà dire che avremo a disposizione una buona fonte di ricambi per le necessità future.

Nemmeno una traccia di colore.

Strumentazione e Regolazione

Per prima cosa, accertatevi che l'immagine sia realmente a colori, provate a collegare il monitor su un altro computer o vice-versa. Quindi, controllate i settaggi di tutti i controlli di colore, che potrebbero essere stati accidentalmente regolati al minimo.

Se il vostro televisore prevede un qualche tipo di regolazione automatica dell'immagine, provate a disabilitare questa funzione e regolare il controllo del colore. Provate a regolare la sintonia fine se è previsto il relativo controllo e sospettate che il problema sia dovuto alla trasmissione via etere o via cavo. A questo punto, una volta confermata la bontà della sorgente di segnale a colori, è il caso di pensare ad un problema nella circuitazione di crominanza.

Si noti che comunemente, la domanda più frequente dei non addetti ai lavori è del tipo: "si è guastato il cinescopio? La risposta è un definitivo NO. Un manuale di servizio o un SAMs, un tester digitale ed un oscilloscopio risulteranno di grande aiuto nel tentativo di ricercare il guasto, a meno che non si tratti di una ovvia cattiva connessione. Provate a stuzzicare il circuito stampato nelle vicinanze del circuito integrato di crominanza utilizzando un utensile isolato, per vedere se riuscite a far andare e venire i colori.

Mi è capitato un televisore dove un resistore da 50 Lire aveva deciso di interrompersi provocando proprio questo problema: una perfetta immagine in bianco e nero, assenza totale del colore.

In un altro televisore ho trovato una bobina con un filo interrotto. Per esempio, non si riesce ad ottenere alcun giallo o blu in immagini che dovrebbero contenere questi colori. Assicuratevi che i controlli utente di saturazione del colore e di tinta non siano stati accidentalmente ruotati durante la pulizia o deliberatemante manomessi da bambini piccoli o grandi. Eseguite le regolazioni di settaggio utente descritte nel paragrafo " Regolazioni dell'immagine per l'utente ".

Assicuratevi che non sia il segnale in ingresso a presentare dei colori strani, provate a visionare un altro canale o un'altra videocassetta. Verificate che il problema non sia dovuto alla mancanza di uno dei colori, forse è sparito uno dei colori primari Rosso, Verde o Blu. In caso affermativo, fate riferimento al paragrafo " Colori intermittenti o mancanti ".

Provate a stuzzicare il circuito stampato nelle vicinanze del circuito integrato di crominanza utilizzando un utensile isolato, per vedere se riuscite a far riapparire il normale colore. La causa potrebbe essere semplice come un cattivo resistore o induttore; non sospettate immediatamente i componenti più costosi. Qualunque problema intermittente nei televisori, che provoca modifiche improvvise nella luminosità, colore, dimensione o posizione dell'immagine è spesso un risultato di cattive connessioni.

I cattivi punti di saldatura sono molto comuni nei televisori e nei monitor, sia a causa della produzione di scadente qualità che del deterioramento della lega di saldatura dopo numerosi cicli termici, che dei componenti costretti a funzionare ad elevate temperature. Anche senza sapere nulla sulla circuitazione, di solito è possibile risolvere questi problemi localizzando tutte le cattive connessioni di saldatura e pulendo e reinserendo i connettori interni.

Il termine 'saldaura fredda' si riferisce o ad una saldatura che non è stata riscaldata a sufficienza durante la produzione, o che è stata raffreddata troppo in fretta, o dove i piedini del componente sono stati mossi prima che la saldatura avesse modo di solidificarsi. Entrambe le situazioni sono le più comuni nel caso di piedini di grossi componenti come trasformatori, transistor e resistori di potenza, e grossi connettori.

I piedini dei componenti presentano una grossa massa termica e le relative saldature potrebbero non essere state riscaldate a sufficienza durante il processo di produzione. Inoltre, sono relativamente massicci e potrebbero flettere la connessione saldata a causa di vibrazioni o espansioni e contrazioni termiche.

SCARICARE IL CINESCOPIO

Per localizzare le saldature fredde, utilizzate una forte sorgente di luce ed una lente di ingrandimento per esaminare i piedini dei componenti con l'alimentazione staccata di grosse dimensioni alla ricerca di incrinature nelle saldature. Un qualunque movimento avvertibile nel punto di saldatura è indicativo di un problema. Con l'apparecchio alimentato, sollecitate con gentilezza il circuito stampato ed i componenti sospetti con un bastoncino isolato per vedere se il problema viene o meno influenzato.

Nel dubbio, saldate nuovamente ogni connessione sospetta. Alcuni televisori potrebbero utilizzare dei circuiti stampati a doppia faccia non dotati di fori metallizzati; in questo caso occorre rifare la saldatura sia dalla parte superiore che dalla parte inferiore del circuito stampato, per assicurarsi che le connessioni siano solide.

Utilizzate un saldatore di potenza adeguata per avere la certezza che le connessioni siano solide. Aggiungete una piccola quantità di nuovo stagno su ciascuna saldatura che ritoccate, anche se ce n'era già a sufficienza.

Ad ogni modo, se necessario eliminate ogni ovvio eccesso. Operazioni da non effettuare MAI -! Sono i migliori sistemi per rompere o danneggiare un tubo! NON cercate di pulire i catodi con soluzioni empiriche fai da te con lampadine e marchingegni vari. Non insistete nella rigenerazione a tutti i costi e per tempi prolungati. NON eseguite la rigenerazione se non siete assolutamente certi dell'esaurimento dei catodi. Dopo avervi detto cosa NON si deve fare, procediamo a spiegare come eseguire la pulizia dei catodi del tubo a raggi catodici.

Sicuramente, se siete arrivati a questo punto, avrete gia tolto lo schienale del TV, se non lo avete fatto, toglietelo ora, potreste incontrare delle difficoltà nel prosieguo della procedura spiritosaggine gratuita.

Staccate la spina di alimentazione Vac del televisore. Staccate la ventosa dell'alta tensione. Scaricate i residui di alta tensione con un comune cavo ISOLATO collegato alla massa del cinescopio, è quella trecciola in filo di rame che congiunge i due angoli in alto del cinescopio e che viene tesa nei due angoli in basso da due molle i tv molto economici, utilizzavano del comunissimo filo di rame ed una molla sola ; NON collegate assolutamente il cavo di scarica dell'alta tensione alla massa del telaio, perché se inavvertitamente nell'estrarre il telaio, avete scollegato qualche ritorno di massa, potreste procurare dei seri danni ai circuiti elettronici dello chassis.

Con la bomboletta di aria compressa , soffiate sul collo del cinescopio dove fuoriescono i piedini, per rimuovere ogni traccia di polvere, soffiate con aria compressa anche lo zoccolo posizionato sulla PCB CRT per essere certi di eliminate ogni traccia di residui polverosi sia all'interno dello zoccolo sia dalla sua superficie e che potrebbero creare problemi di scariche e dispersioni.

6.2) Linee guida per la sicurezza

Collegate il rigeneratore alla rete Ac ed accendetelo. Facciamo in modo che sia anche sicura! Non lavorate da soli; in caso di emergenza, la presenza di qualche altra persona potrebbe risultare vitale. Tenete sempre una mano in tasca quando dovete mettere le mani all'interno di un apparecchio collegato alla rete, o un sistema funzionante ad alta tensione. Non indossate gioielli o altra roba del genere, che potrebbe accidentalmente venire a contatto con i circuiti e condurre corrente elettrica, o impigliarsi nelle parti in movimento.

Stabilite la vostra area di lavoro in un luogo distante da possibili masse con cui potreste accidentalmente venire a contatto. Conoscete il vostro apparecchio: i televisori e i monitor potrebbero utilizzare alcune parti dello chassis metallico come ritorno di massa, eppure lo chassis potrebbe essere elettricamente sotto tensione rispetto alla presa di terra della rete elettrica. I forni a microonde utilizzano lo chassis come ritorno di massa per l'alta tensione.

Inoltre, non assumete che lo chassis rappresenti una buona massa per la vostra strumentazione di misura.

Se risulta necessario rimuovere i circuiti stampati dai loro sostegni, interponete del materiale isolante tra le schede e qualunque cosa con cui potrebbero essere cortocircuitate. Sorreggeteli con bastoncini isolanti di plastica o legno. Per esempio, per un condensatore da Volt, utilizzate una resistenza il cui valore sia compreso tra 20KK.

In un televisore o un monitor, se state rimuovendo il collegamento di alta tensione al cinescopio per esempio per sostituire il trasformatore di riga , scaricate per prima cosa il contatto del cinescopio situato sotto la coppetta isolante all'estremità dello spesso cavo rosso.

Schermo a tubo catodico

Utilizzate un resistore del valore compreso tra 1 MOhm e 10 MOhm, potenza 1 Watt o superiore, sorreggendolo dalla punta di un bastoncino isolante o dalla sonda di un voltmetro per alta tensione. Scaricate il contatto sul frame metallico che è connesso alla parte esterna del cinescopio.

Per i televisori ed i monitor in particolare, esiste l'ulteriore rischio di implosione del tubo a raggi catodici; fate attenzione a non battere la superficie del tubo con i vostri strumenti.

Un'implosione spargerà schegge di vetro ad alta velocità in ogni direzione. C'è una forza di svariate tonnellate che tenta di frantumare un tipico tubo a raggi catodici. Indossate sempre una protezione per gli occhi. Utilizzate puntali con pinzette a coccodrillo o saldate temporanemente dei cavetti per le misurazioni da effettuare in posti stretti o poco accessibili. Se dovete necessariamente effettuare le misurazioni mentre l'apparecchio è in funzione, coprite completamente i puntali con del nastro isolante, tranne qualche millimetro all'estremità, allo scopo di evitare la possibilità di un cortocircuito accidentale che potrebbe danneggiare svariati componenti.

Collegate con una pinzetta la massa del tester o dell'oscilloscopio al punto di massa appropriato, in modo tale che tutte le misurazioni potranno essere condotte con una sola mano. Eseguite il maggior numero di misurazioni possibili con l'apparecchio spento e scollegato dalla rete. Per esempio, eventuali cortocircuiti presenti nei semiconduttori della sezione di alimentazione di un televisore o di un monitor possono essere scoperti con un ohmmetro. Utilizzate un trasformatore di isolamento nel caso durante la riparazione ci sia un qualche rischio di venire a contatto con le parti del circuito connesse alla rete.

Attenzione, un Variac tm non è un trasformatore di isolamento! L'utilizzo di una presa di corrente protetta da un interruttore differenziale il noto "salvavita" rappresenta una buona idea, ma non è comunque in grado di proteggervi dalla scosse che potreste ricevere da un televisore o un monitor connessi alla rete elettrica, o le parti ad alta tensione di un forno a microonde, per esempio. Si noti che comunque un inerruttore differenziale potrebbe scattare senza alcun motivo all'accensione degli apparecchi o in modo casuale a causa di perdite di isolamento provocate ad esempio dalla massa della sonda del vostro oscilloscopio o delle caratteristiche di ingresso altamente capacitive o induttive degli apparecchi alimentati dalla rete elettrica.

Un fusibile o un disgiuntore sono troppo lenti ed insensibili per garantire protezione per voi ed in molti casi anche per il vostro apparecchio; un interruttore differenziale ad ogni modo potrebbe risultare utile per salvare il cavo di massa della sonda dell'oscilloscopio se questo dovesse accidentalmente toccare uno chassis soggetto a tensione di rete.

Non mettetevi al lavoro quando siete stanchi. Non solo farete le cose con minore attenzione, ma il vostro principale strumento di diagnosi, il ragionamento deduttivo, non funzionerà al massimo delle proprie capacità.

Infine, non date niente per scontato senza aver prima controllato personalmente! Non prendete scorciatoie! Molti problemi hanno semplici soluzioni. Non crediate subito che il vostro problema sia una qualche combinazione di guasti esoterici e complessi.

Note per la ricerca dei guasti e la riparazione di monitor video e per computer

Nel caso di un monitor, potrebbe semplicemente trattarsi di una cattiva connessione o di un fusibile bruciato. Mettetevi in testa che i problemi con il più catastrofico impatto sul funzionamento per esempio un monitor del tutto inerte di solito sono i più semplici da sistemare.

Il tipo di problemi che vorremmo evitare a tutti i costi sono quelli intermittenti o difficili da riprodurre: un tremolio occasionale o un monitor che brucia il suo transistor di uscita orizzontale ogni sei mesi.

Se arrivate ad un punto morto, dormiteci su. Evitate di lavorare quando siete davvero stanchi, è pericoloso e soprattutto improduttivo o forse addirittura distruttivo.

Ogniqualvolta lavorate su apparecchi di precisione, prendete nota della disposizione dei componenti e disegnate degli schizzi; sono cose che risulteranno infinitamente utili quando sarà ora di rimontare l'apparecchio. Viti apparentemente identiche potrebbero risultare di lunghezza differente o avere un tipo di filettatura diversa; componenti minuscoli potrebbero essere inseriti in più di un posto o con orientamenti differenti, ecc.

Bottigliette di pillole vuote, contenitori per pellicole fotografiche, e contenitori in plastica per cubetti di ghiaccio sono tutti oggetti che ritornano utili per ordinare e conservare le viti ed altri piccoli componenti dopo lo smontaggio. Scegliete un'area di lavoro ben illuminata e dove sia possibile localizzare facilmente eventuali componenti che cadono per terra, quindi lontano da eventuali tappeti ricoperti con folto pelo.

La collocazione ideale dovrebbe inoltre essere relativamente non polverosa e permettervi di sospendere le vostre sessioni di lavoro per mangiare e dormire, senza dover essere costretti ogni volta ad ammucchiare i pezzi dell'apparecchio sotto torchio dentro una scatola di cartone. Un altro punto da tenere in considerazione è la ESD Electro-Static-Discharge , cioè la scarica delle cariche elettrostatiche.

Alcuni componenti montati nei monitor come i circuiti integrati possono essere facilmente danneggiati dalle scariche elettrostatiche.

Non è necessario esagerare con le precauzioni, ma è sufficiente prendere l'abitudine di toccare una parte collegata alla massa, come ad esempio lo chassis in metallo, prima di toccare un qualunque componente del circuito. Un set basilare di utensili di precisione costituirà tutto quanto necessario per smontare gli apparecchi ed eseguire regolazioni sulla maggioranza degli apparecchi elettronici di consumo.