Scaricare Copioni Teatrali Comici Da

Scaricare Copioni Teatrali Comici Da  copioni teatrali comici da

Scopri come scaricare Commedie Comiche, divertenti e brillanti!. Testi e copioni comici commedie teatrali prosa e musicali. Scarica e leggi i copioni brillanti e i testi comici delle commedie teatrali (Finestra 2 da sinistra). I copioni teatrali che trovi nel nostro sito sono di proprietà degli autori, sono stati reperiti online o ci sono stati inviati da utenti che come te hanno usufruito del. Copioni - Testi Teatrali di Commedie Comiche Brillanti Divertenti. Qui trovi i lavori scritti da noi. scarica il copione Il tutto accompagnato da una manciata di brani musicali che sono stati scelti per la loro forza espressiva, per.

Nome: copioni teatrali comici da
Formato:Fichier D’archive
Sistemi operativi: MacOS. iOS. Windows XP/7/10. Android.
Licenza:Gratuito (* Per uso personale)
Dimensione del file: 33.89 MB

David Conati, Katalizzautore Il vantaggio di collaborare con un autore alla realizzazione di uno spettacolo su misura. Finita la seconda Guerra Mondiale in un piccolo borgo di provincia rinasce la voglia di vivere dopo la tragedia, ma il nuovo stenta ad affermarsi, rallentato, anche, dalla sopravvivenza di gerarchie sociali dure a morire.

Lorenzi, medico del paese ed ex podestà, di Fiorenza che sogna di aprire un salone di parrucchiera Le preoccupazioni per chi "è andato a morire" al fronte si uniscono alle fatiche della vita quotidiana in un piccolo borgo di provincia soggiogato dalle prepotenze del sior Vittorio. Tuttavia, lentamente, emerge la voglia di cambiare: Celeste, giovane figlia di contadini non accetta di essere trattata come serva e cerca di convincere i compaesani a ribellarsi alla sottomissione.

Ma il sior Vittorio, come previsto, non è d'accordo

Tutto va a gonfie vele, fino a quando non arriva il veroproprietario…. Insieme ad Eva, una sua amica — complice, porta a termine il suo intento e per farlo soffrire di più, fa in modo che suo marito sia spettatore del suo tradimento con Ernesto una sua vecchia fiamma , facendolo nello stesso albergo e nella stessa stanza dove è stata tradita.

La moglie di Gerardo, Margherita, vuole a tutti i costi rinchiudere suo suocero in uno ospizio, minacciando il divorzio in caso contrario. Decide di lasciare la moglie per sposarsi a Ibiza con Chicco che, in caso contrario, minaccia di lasciarlo. In casa sua, oltre la moglie e la figlia, vive anche la madre che,rimasta vedova, Bruno ha accolto in casa. Si reca a Milano dove vive la sua unica parente, la sorella Carmela. Capisce che non potrà mai realizzare il suo sogno di diventare madre, e questo pensiero la fa star male e cade in depressione; per uscire dal tunnel decide, pur di avere un figlio, di tradire il marito.

Le mie commedie non sostituiscono un corretto stile di vita. Testo vincitore "Una commedia in cerca d'autore" Una esilarante commedia degli equivoci, dove non ci sono né buoni né cattivi ma solo persone, tutte con le loro fragilità.

Stefano rimane bloccato in aeroporto e arriva al suo matrimonio con un giorno di ritardo. Una satira esilarante, cinica e veloce, nella quale tutti i luoghi comuni sul matrimonio e sull'amore sono ribaltati: a volte guardare le cose al contrario è l'unico modo per capirle. Sette personaggi si iscrivono alla stessa chat di appuntamenti, senza che gli altri lo sappiano. Scenografia: Binario di una stazione ferroviaria Trama: Il testo ricalca la tematica del celeberrimo "Aspettando Godot" ma in modo più leggero, più ironico.

Due giovani donne decidono di lasciare la loro vita anonima per partire, dove non si sa. In attesa del treno, che deve transitare sul binario 3, esprimono i loro desideri, più o meno inconsci, parlando della loro vita insulsa, piatta. Il treno arriverà ma lo perderanno, sempre in attesa di quel qualcosa, o qualcuno, che desiderano ma che non riusciranno a ottenere. Giudizio: Lavoro introspettivo.

Dicembre Personaggi: 2 1U, 1D. Trama: In questo breve atto unico padre e figlia dialogano in più luoghi e in più tempi. Dialogo scarno, serrato, dolce, angosciante, tenero, doloroso.

Entrambi vittime, segnati per sempre, uniti da un amore profondo.

Oreste De Santis

Due anime lacerate che cercano rifugio nel passato perché il loro futuro è senza speranza. Personaggi: 6 4U, 2D. Trama: Arturo e Teresa sono sposi da poco. È la notte di San Silvestro e i due si preparano a trascorrerla in compagnia degli amici ma il tappo di un tubetto di dentifricio si mette di mezzo. I due protagonisti si trovano alle prese con un vicino, assicuratore, che ha deciso di traslocare l'ultimo giorno dell'anno; un telefono che non ha pace, e altre vicissitudini.

Il tempo passa; arriva mezzanotte. Giudizio: Lavoro brillante, dove una coppia di sposi ritrova se stessa attraverso tante intrusioni divertenti. Personaggi: 7 4U, 3D. Scenografia: Pannelli con appeso tanti cappelli.

Trama: Gervasio Mantegazza, milanese da generazioni, è un uomo senza tempo. Vive con i genitori Modesto e Luisa e con il nonno, un anziano ancora grintoso, indomito. Modesto, di nome e di fatto, è succube del padre e della moglie. La nuora Luisa non sopporta più né la vita di stenti né la presenza del nonno, l'unico in famiglia che le tiene testa.

Vivono in una casa-negozio-magazzino sulla riva del Naviglio, dove si fabbricano, si rimettono a nuovo, si vendono cappelli da uomo di tutte le fogge. Ma un grosso cruccio lo tormenta: è ora che Gervasio si faccia una famiglia, e che sforni un erede. Gervasio è innamorato, ricambiato, di Martina ma non si decide a dichiararsi. Il piano riesce e i due osservano l'effetto miracoloso ma Gervasio, nel sonno, parla e si confessa: è impotente dalla nascita! Marina, sconvolta, fugge. Sarà ancora il nonno a dover dipanare la matassa; come?

Per l'imprevedibile finale leggere il copione. Giudizio: L'Autore si fa promotore di un'impresa quasi impossibile: mantenere viva la cultura della lingua meneghina.

E ci riesce. Genere: Musicale. Personaggi: una moltitudine.

Scenografia: Suggerita. Trama: La commedia musicale, per giovani, si svolge all'interno di una stazione della metropolitana. È una Via Crucis moderna, dove i personaggi si alternano in un via vai denso di brani musicali, e con qualche caratterizzazione.

Personaggi indifferenti, frettolosi, nervosi e annoiati fanno da contraltare alle figure di Dio, Lucio il tentatore e Myriam la zingara, ma non solo. La tredicesima stazione vede Dio morire in maniera originale; seguono l'attesa e la resurrezione.

Testi e Copioni Teatrali Comici - Commedie Musicali Brillanti

Giudizio: Commedia musicale per giovani. Genere: Ragazzi. Personaggi: 25 10U, 10D e 5 bambini. Scenografia: Chiesa - palcoscenico parrocchiale. Trama: In un piccolo paese di cui non si sa il nome, la festa in onore di San Marco è l'evento più importante dell'anno. Per l'occasione giungerà un'importante compagnia che presenterà un "musical". Che fare? L'intraprendente Don Dino, con la sua squinternata compagnia di teatranti più o meno giovani, decide di inventarsi un musical che in sette giorni dovrà essere all'altezza di quello degli affermati professionisti.

Ce la faranno? Meglio: è l'elogio della fatica di far teatro. È il lavoro paziente d'imparare, di provare e riprovare, di gioire e di arrabbiarsi, di esaltarsi, qualche volta di restare delusi. Giudizio: Commedia spigliata e divertente. Luglio Genere: Cabaret. Personaggi: Molti.

Atti: Una ventina tra quadri e siparietti. Scenografia: Essenziale. Ritmo indiavolato. È una buona palestra per formare interpreti sicuri di se stessi e padroni della scena.

Genere: Giallo. Personaggi: 8 4U, 4D. Trama: Un ispettore di polizia viene chiamato in una villa per un omicidio. Giudizio: Giallo surreale, con accavallamento di situazioni paradossali, che tiene il pubblico col fiato sospeso fino alla fine.

Scenografia: Salotto di una casa elegante. Trama: Si prepara una festa in casa di un professore universitario nelle nuvole, con moglie arrivista. C'è poi una storia di droga da nascondere, un agente dei servizi infiltrato, un tonto di turno che in realtà incastra tutti e insegna a tutti qualche cosa. Sorpresa finale. Giudizio: Commedia brillante, farsesca, a tratti demenziale. Personaggi: Tutte donne. Atti: Unici. Trama: È una raccolta di 13 pezzi, tra monologhi e dialoghi, che vede come protagoniste tutte donne.

Il titolo nasce dal fatto che le vicende si svolgono in un ipotetico condominio. Giudizio: Creato per una scuola di recitazione, è valido anche da mettere in scena in serate teatrali, considerato la varietà di argomenti toccati e i contenuti formativi.

Genere: Commedia brillante.

Personaggi: 10 5 U, 5 D. Scenografia: Soggiorno di un appartamento. Giudizio: I pregi del testo sono lo stile garbato, arguto, diverso da quello tipicamente aggressivo e spesso violento del genere. Semplicità e coerenza dei dialoghi, capacità di far entrare lo spettatore dentro la storia e i singoli personaggi.

Genere : Drammatico. Personaggi: 6 4U, 2D Atti: 1. Trama: In una serata qualunque una coppia come tante discute ad alta voce dei soliti problemi familiari: il marito che torna tardi la sera e forse ha un'amante, la moglie insoddisfatta che spende troppo.

Una giovane coppia di vicini sente le liti continue e litiga a sua volta per un bambino in arrivo. Anche i due figli della prima coppia sono coinvolti emotivamente nel sentire le liti dei genitori. Quindi quella che sembra soltanto l'ennesima replica di un banale copione si rivela fonte di ricadute profonde su chi la subisce, vicini o figli che siano.

Ogni vita, attraverso le sue manifestazioni, genera conseguenze sulle vite degli altri, in un gioco di rimando inconsapevole e implacabile. Giudizio: Riflessione appassionata sui comportamenti di vita.

Personaggi: 4 3U, 1D. Atti : 1. Trama: Il Protagonista è un personaggio di teatro che viene a raccontare se stesso in forma di favola assurda e reale, e con ironia ne interpreta il senso profondo. Recitando la sua corsa verso un traguardo forse immaginario, egli scopre persino l'amore per Ilaria, l'avversario che crede soltanto nella concreta razionalità e si sottrae al fascino dell'affabulatore.

La Corsa fa parte di una trilogia intitolata Tre uomini, oltre.

Personaggi: 9 5U, 4D. Scenografia: Un soggiorno moderno. Deve essere presente una grande cassapanca. Trama: Un giovane politico rampante aspira a essere eletto in parlamento, spinto dalla moglie, ricca e ambiziosa. Una notissima giornalista viene in casa per fargli un'intervista. Ma la sorella del politico, una donna ritenuta un po' fuori di testa, bisognosa di una badante, mette scompiglio e fa andare all'aria tutti i piani.

Doppio finale, a scelta. Giudizio: Commedia brillantissima, necessita di un grande ritmo. Epoca: Del diluvio. Trama: Sulla terra regna discordia e gran confusione, anche di ruoli e Dio vuole ristabilire l'ordine.

La storia del diluvio universale è nota a tutti.

Questa vuole essere una versione brillante, divertente e un po' paradossale. Noè appare un tantino svampito, la moglie superficiale e i tre figli un po' bamboccioni. Giudizio: Un diluvio universale per i ragazzini, fatto per divertire grandi e piccini.

Genere: Fiaba. Personaggi: 9. Epoca: Favolistica. Scenografia: Fondale di un bosco. Trama: Due scoiattolini trovano nel bosco un vasetto di marmellata di nocciole fabbricato in Italia e vogliono andare alla scoperta del paese dove si preparano tali prelibatezze. Scappano e si mettono in viaggio. Fanno tanti incontri più o meno felici ma, alla fine, con grande sollievo, si ritrovano nel loro bosco, vicini a mamma e papà.

Giudizio: Favola per bambini delle prime classi delle elementari, efficace e ben scritta. Personaggi: 5 3U, 2D Atti: 1. Epoca: Agosto Scenografia: Cella di una prigione.

Trama: Sono le ultime ore di vita di Amatore Sciesa, patriota milanese che è stato sorpreso dalle guardie austriache mentre attaccava manifesti sovversivi sui muri di Milano.

Noleggio Costumi

Nella cella si svolge un colloquio tra Amatore e un prete, in attesa dell'esecuzione. Amatore ricorda i momenti cruciali della sua vita, con l'aiuto di due donne ma potrebbero essere molte di più che intervengono nella vicenda alla guisa di un coro greco. Esse incarnano diversi ruoli: la Storia, Giuseppe Prina, la moglie di Amatore, la Cronaca dell'evento e.

Giudizio: Dramma coinvolgente, che potrebbe essere adatto anche per studenti delle scuole superiori. Viene pubblicato da Teatro insieme alla versione in dialetto milanese. Adattamento in dialetto milanese di Scovenna Marina e Brioschi Alma. Esse incarnano diversi ruoli: la Storia, Giuseppe Prina, la moglie di Amatore, la Cronaca dell'evento.

Giudizio: Questo dramma rappresenta una sfida per compagnie milanesi che vogliano cimentarsi con testi che non siano di pura evasione.

Copioni teatrali

Parlano in milanese Amatore e il prete, in italiano gli altri personaggi. Personaggi: 9 4U, 5D. Leopoldo è un giovane vedovo e ha una doppia vita. Personaggi: 23 10U, 13D. Trama: Il conte Sigismondo muore: chi erediterà il vecchio castello con annessi e connessi, fantasmi compresi? Il testamento parla chiaro: erediterà tutto il nipote che si troverà al castello un anno, un mese e un giorno dopo la morte di Sigismondo e che si prenderà cura del conte Roberto, il fratello di Sigismondo, bloccato su una sedia a rotelle.

Giunta la scadenza, ecco arrivare i nipoti-avvoltoi: Simona, nipote avida e affarista, fiuta l'affare e vorrebbe vendere il tutto per incamerare altri quattrini. Anche per Elisa, donna dispotica e tiranna, il castello è una scocciatura da rivendere al più presto. Enrico, uno sciocco snob, è un inaffidabile sempre preda di veline e attricette che si trascinano una coda di paparazzi per farsi pubblicità su riviste scandalistiche.

L'unica a mostrare un po' di affetto per quelle vecchie mura è Sara, la scrittrice. I quattro si accapigliano per impadronirsi dell'eredità, ma non hanno fatto i conti con i fantasmi del castello, una pletora di giovani e vecchi, bambini e fanciulle, donne e cavalieri, ognuno con il suo passato tragicomico e il presente ricco di ricordi e nostalgia. Giudizio: Commedia brillante, che coinvolge tantissimi personaggi. Scenografia: Stilizzata; luci e pedane delimiteranno le zone ambientali.

L'improvviso apparire di Elisa colma il vuoto della sua anima ma si avvede che "qualcosa" gli impedisce di donarsi a questa ondata di sentimenti che lo travolgono. Nemmeno le rare comparizioni in famiglia lo placano, e lo vedono sempre più distante dai suoi affetti primitivi. Il groviglio di sentimenti e di emozioni che lo investono lo inducono a confidarsi per intero con un sacerdote del luogo.

Elisa, maestrina anch'essa in trasferta, in breve tempo si innamora di Ermanno; la sua giovane età non ha remore, e non comprende la ritrosia di Ermanno a donarsi nell'intimità. L'amico prete ascolta l'uomo, l'aiuta con parole di conforto e lo esorta a non giudicare la giovane.

Ermanno cede all'impulso della passione ma, poco dopo, il rapporto fra i due si deteriora senza spiegazione plausibile. Qualcosa ostacola la loro unione sentimentale, ed è Elisa a capirlo e a rivelarlo a Ermanno: "l'appartenenza" che lo condiziona è l'educazione cristiana che ha ricevuto. I due si lasciano. Sorprende un prete che non fa prediche, che non trancia giudizi, coerente con l'orientamento attuale della Chiesa?

La forza della Grazia, nascosta ma radicata, è tale da far interrompere un rapporto intenso ma fallace? Giudizio: Intensa commedia d'amore. Personaggi: 18 9U, 9D. Scenografia: Favolistica. Trama: Favola musicale intelligente e spiritosa per ragazzi, che tocca temi di attualità e di interesse anche per un pubblico adulto. E' una sorta di fantasiosa parodia del mondo delle fiabe che chiama in campo i più noti personaggi delle favole mettendoli alla prova con problematiche odierne, in particolare quella dello strapotere televisivo che mette in pericolo la loro stessa esistenza.

Primo perché sono diventati vecchi e fuori moda, secondo perché nessuno racconta più favole. Devono essere riqualificati. Ecco allora che luoghi comuni e stereotipi televisivi si impadroniscono dei loro comportamenti e del loro linguaggio con una sequenza di trovate, di battute scandite a ritmo continuo.

Una nutrita serie di canzoni, la maggior parte in chiave rap, dà risalto ai protagonisti simpatici e stravaganti, tutti ben disegnati. Giudizio: Il lavoro è un pretesto per una riflessione sul valore immortale delle favole, e sull'importanza che siano i grandi a narrarle ai piccini.

Marzo Personaggi : moltissimi. Trama: Una classe di scuola superiore, oggi. I ragazzi hanno cercato di dare fuoco alla scuola e devono essere puniti.

Il prof di religione escogita una punizione un po' strana: devono fermarsi a scuola di pomeriggio per cercare di scrivere una commedia su san Francesco. I mugugni non servono e i ragazzi, se vogliono la promozione, dovranno sudarsela. Cominciano a leggere qualcosa su san Francesco, si informano, e pian piano la loro commedia nasce, viene fuori, materialmente.

Giudizio: Commedia semplice e profonda, parla del passato ma vive nel presente. Adattamento in milanese di Pietro Callegaro. Poesie di Moreno Cioni. Personaggi: 3 2 U, 1 D. Trama: Due barboni hanno come rifugio lo scantinato di una casa abusiva, non finita.